UN VELO PER PROTEGGERE LE PIANTE DALLE GELATE

 

In Italia settentrionale gli inverni sono sovente lunghi e rigidi.
Questo potrebbe essere un serio pericolo per la sopravvivenza di alcune delle nostre piante , specialmente se coltivate all’ esterno e in vaso.
Se possedete una rimessa, nella stagione invernale vi consigliamo di trasferite le piante in vaso in questo luogo protetto.

Il locale ospitante dovrà avere le seguenti caratteristiche:
– Luminosità adeguata al tipo di pianta
– Temperatura interna superiore ai 5 gradi centigradi e quasi costante

Per chi non possiede uno spazio idoneo per riporre le piante, vi consiglio di ricoprire il vaso e la pianta stessa con il “Velo da Sposa
Il velo da sposa ovvero il TNT (tessuto non tessuto) è leggero, permeabile all’ acqua e traspirante, lascia filtrare la luce, e non ostacola in nessun modo il regolare sviluppo della pianta proteggendola dalle gelate.

Molto importante e’ fissare bene il velo senza piegare eccessivamente i rami che si potrebbero spezzare.

Il tessuto non tessuto non è impermeabile quindi è preferibile posizionare le piante in luoghi riparati, l’ ideale sarebbe un muro esposto a sud o sotto un porticato, in questo modo le piante saranno anche al riparo dal vento.

Per le piante messe a dimora in piena terra consigliamo di ricoprire il tronco e la chioma con il velo da sposa e utilizzare le foglie come pacciamante.
Le foglie proteggeranno il terreno dalle gelate e saranno un perfetto ingrediente per una pacciamatura completamente naturale

Le principali piante da esterno che devono essere protette durante il periodo invernale sono:Agrumi (consigliamo di riporli in un luogo protetto) ,Ulivo, Camellia, Oleandro, Mimosa, Melograno …

NB:
Gli agrumi consigliamo di riporli al riparo in ambienti chiusi e luminosi dove non vi siano assolutamente delle casse di mele in quanto la sostanza emessa dalle mele defoglia gli agrumi

Le bromelie fanno parte della famiglia delle Bromeliacee

Bromelia

 Principali Caratteristiche
Periodicità Perenne
esposizione Ambienti luminosi ma non al sole diretto
Irrigazione Normale
Terreno Torba, sabbia grossolana e corteccia
Fioritura Primavera – Autunno

Principali caratteristiche della pianta

Bromelia

E’ una pianta di particolare bellezza che si adatta particolarmente al clima d’ appartamento. La bromelia e’ caratterizzata da foglie carnose di color verde chiaro da cui fuoriesce un fiore importante di color rosso – giallo.

Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

Il terreno perfetto per la bromelia è un miscuglio di terriccio e sabbia.

La luce ottimale per le piante

Esposizione

La bromelia va posizionata dove c’è una buona luminosità, evitando il sole diretto , poiché potrebbe provocare la bruciatura delle foglie.

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticita’

Posizionarle in una camera dove non faccia freddo e non vi siano correnti d’ aria. La Bromelia non supporta temperature inferiori ai 13 gradi.

Irrigare le piante in modo corretto

Annaffiatura

Nel periodo estivo annaffiare abbondantemente senza pero’ creare ristagni d’ acqua. Durante il periodo invernale si annaffiano moderatamente, il tanto da mantenere appena umido il terreno perché non deve mai restare asciutto.
Ricordarsi di riempire sempre la coppa (il centro della rosetta) e ogni 2/3 settimane cambiare l’acqua in modo da non creare ristagni.

quando come e quanto concimare

Concimazione

In primavera-estate sarà bene somministrare del concime liquido ogni 3-4 settimane.

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

Può essere colpita da dei ragnetti rossi e cocciniglia. Può anche soffrire di marciume radicale, se le innaffiature sono eccessive ed il terreno non è sufficientemente drenante.

Se notate le foglie marroni e poco turgide e flosce potrebbero essere indice di marciumi radicali, assicurarsi di annaffiare la pianta solamente dopo aver fatto asciugare il terreno.

Se il fiore inizia a seccare è normale: tagliare alla base della rosetta.

Se le punte delle foglie scuriscono potrebbe significare che l’ambiente è caldo e secco, invece se sono pallide allora la luce è troppo intensa: spostare la piante in un ambiente luminoso e lontano dai raggi del sole, periodicamente nebulizzare.

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

Nel periodo della ripresa vegetativa eseguire la potatura della pianta per contenerne le dimensioni.
La pianta richiede vasi molto grandi in quanto ha delle radici molto lunghe (a volte superano le dimensioni della pianta)

 

Ciclamino rosso da vaso

Ciclamino

 Principali Caratteristiche del Ciclamino
Periodicità Perenne
esposizione Molta Luce ma non diretta
Irrigazione Apportata tramite sottovaso
Terreno Fertile fresco e un po umido
Fioritura Settembre – Maggio

Principali caratteristiche della pianta

Ciclamino

I ciclamini sono tra i fiori invernali che maggiormente resistono alle basse temperature, essenzialmente ne esistono due varietà:
I così detti ciclamini da vaso aventi foglie e fiori grandi di vari colori, generalmente vengono coltivati in vaso perchè sono varietà meno rustiche e nel periodo invernale devono essere ritirati in interno.
I ciclamini a foglie e fiori piccoli sono invece detti ciclamini da terra in quanto sono più rustici e generalmente vengono piantumati in piena terra in zona riparata dal sole e dal vento

Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

Ama un terreno fertile , soffice, leggermente umido , ricco di humus e ben drenato

La luce ottimale per le piante

Esposizione

Il ciclamino è una pianta a fioritura prevalentemente invernale che non ama l’esposizione al sole e che preferisce l’ombra.
Per la coltivazione in giardino si consiglia di piantumarli all’ ombra degli alberi.
Per i ciclamini coltivati in vaso posizionarli in ambienti con molta luce ma facendo attenzione che non vengano colpiti dalla luce diretta del sole

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticita’

In interno bisogna evitare di tenerli vicino a fonti di calore ma in stanze fresche, con una temperatura compresa tra 10 e 18 gradi
I ciclamini da esterno sopportano tranquillamente temperature inferiori ai 6 gradi. Supportano meglio temperature vicine allo zero che il caldo

Irrigare le piante in modo corretto

Annaffiatura

Non è necessario bagnare la pianta quando in primavera smette di fiorire e le foglie diventano gialle.
In estate è possibile sistemarla all’ aperto, in un luogo asciutto e ombreggiato, mantenendo il terriccio appena umido.
In autunno riportare il vaso in casa e incominciare ad innaffiare periodicamente appena spuntano le nuove foglie.

quando come e quanto concimare

Concimazione

Durante la fioritura concimate ogni 15 giorni con una modesta quantità di concime liquido specifico per piante da fiori diluito nell’ acqua di irrigazione
Dopo la fioritura interrompere la concimazione fino alla fine dell’ estate

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

Se il nostro ciclamino presenta le foglie gialle  potrebbe essere indice di troppo calore oppure bagnature errate.
Se la pianta produce troppi pochi fiori consigliamo di posizionarla in un luogo fresco ( a basse temperature la pianta sta meglio e produce di più) e di concimarla.
Se la pianta dovesse collassare allora è stata bagnata troppo

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

I ciclamini non necessitano di vere e proprie potature si consiglia pero’ di rimuovere al più presto le foglie e i fiori secchi permettendo alla pianta di non disperdere le proprie energie vegetative.
Il ciclamino è un’ottima pianta da interni, adorna i nostri appartamenti con colori vivaci dall’ autunno alla primavera.

Veronica - Hebe in fioritura

Hebe – Veronica

 Principali Caratteristiche
Periodicità Sempreverde
esposizione Pieno sole – Mezz’ ombra
Irrigazione Normale
Terreno Fertile ben drenato e leggermente acido
Fioritura Giugno – Novembre

Principali caratteristiche della pianta

Hebe – Veronica

L’ Hebe è un arbusto sempreverde. Viene utilizzato in molteplici situazioni, come bordura o come pianta singola, in piena terra o in vaso. E’ apprezzata per il suo fogliame che a seconda della specie assume tonalità diverse, dal verde chiaro o screziato di bianco o di giallo, e per i suo fiori che possono essere di colore viola,fuxia,bianco.

Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

Predilige un terreno soffice, umido, fertile, leggermente acido e ben drenato.

La luce ottimale per le piante

Esposizione

Ama il sole diretto, mettere in posizione riparata dai raggi solari solamente nelle ore più calde della giornata.

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticita’

L’hebe è una pianta semi rustica, se messa a dimora in piena terra va posizionata in posti riparati da venti freddi, coltivata in vaso in inverno con l’arrivo dell’inverno va messa in zona protetta.

Irrigare le piante in modo corretto

Annaffiatura

L’ hebe teme la siccità per questo va annaffiata regolarmente. Nei periodi molto caldi va annaffiata tutti i giorni nel momento più fresco della gionata, o al mattino alla sera. Non si deve eccedere mai con grandi quantità di acqua in quanto teme i ristagni idrici.

quando come e quanto concimare

Concimazione

In primavera è bene concimala con un concime granulare a lenta cessione per piante fiorite. Nel momento della fioritura va concimato con concime liquido per piante fiorite ogni 15 giorni.

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

É una pianta molto resistente alle malattie. Teme i ristagni idrici che possono portare a marciume radicale.

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

E’ importante eliminare i fiori rovinati e appassiti per dare la possibilità alla pianta di continuare l’abbondante fioritura.

Physocarpus

 Principali Caratteristiche
Periodicità Foglia caduca
esposizione Pieno sole
Irrigazione Moderata
Terreno Umido, ricco, ben drenato e leggermente acido
Fioritura Maggio

Principali caratteristiche della pianta

Physoicarpus

Il Physocarpus è un arbusto caducifolia da fiore di facile coltivazione sia in piena terra che in vaso. E’apprezzato per il suo fogliame di colore rosso – porpora e per le sue infiorescenze bianco-rosate, fiorisce da giugno a luglio. E’ ideale per per realizzare siepi e bordure.

Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

Il Physocarpus ama un terreno umido, ricco di sostanza organica e ben drenato. Il terreno ottimale di coltivazione deve essere leggermente acido.

La luce ottimale per le piante

Esposizione

Predilige l’esposizione in pieno sole al riparo dai venti, si sviluppa bene a mezz’ombra.

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticita’

E’ una pianta rustica, nel periodo di riposo vegetativo sopporta temperature anche inferiori ai -20°C.

Irrigare le piante in modo corretto

Annaffiatura

Il Physocarpus coltivato in piena terra si accontenta delle piogge ma durante il primo anno va irrigato con continuità e periodicamente nei periodi di prolungata siccità e in estate. La pianta messa a dimora in vaso va annaffiata con maggiore frequenza evitando però i ristagni idrici.

quando come e quanto concimare

Concimazione

E’ bene concimare il Physocarpus in primavera e in autunno con un concime granulare a lenta cessione specifico per piante fiorite.

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

Questo arbusto viene attaccato raramente da cocciniglia e afidi. Se il clima è troppo umido e piovoso è maggiormente predisposta all’oidio e il mal bianco.

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

Non esige grandi potature, si potano solo i rami vecchi e danneggiati. Ogni 3 anni per favorire la crescita di nuovi getti si potano i rami troppo lunghi di circa un terzo.

Negli ultimi anni le Graminacee sono diventate Erbe ornamentali dei vari giardini

Graminacee

 Principali Caratteristiche
Periodicità Perenne
esposizione Quasi tutte Pieno Sole
Irrigazione  
Terreno Generalmente povero
Fioritura  

Principali caratteristiche della pianta

Graminacee

Esistono graminacee adatte a qualsivoglia clima, sono piante molto rustiche, ed esistono specie che sopravvivono alla siccità, come specie che necessitano di acqua abbondante e preferiscono terreni quasi paludosi.
Inoltre molte graminacee sono ben adattate al clima europeo, quindi possono risultare resistenti al gelo, al caldo secco, alla neve, insomma a qualsiasi intemperia possibile

Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

Il terreno può essere povero, purché privo di ristagni.
Solamente le graminacee utilizzate come piante di bordura dei laghetti accettano la terra umida.

La luce ottimale per le piante

Esposizione

Salvo alcune eccezioni, preferiscono il pieno sole.

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticita’

Sono piante molto rustiche

Irrigare le piante in modo corretto

Annaffiatura

Generalmente l’ irrigazione e’ fondamentale solamente per il primo anno successivamente sopportano periodi di sicita e alcune si adattano anche a condizioni estreme

quando come e quanto concimare

Concimazione

Generalmente e’ sufficiente una concimazione organica in primavera se il terreno è molto impoverito

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

Le graminacee generalmente sono piante molto resistenti e non attaccate da malattie e o parassiti

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

Le graminacee da stagione fredda, come ad esempio: Calamagrostis x acutiflora, Festuca sp., Helictotrichon sempervirens, Milium effusum, Stipa gigantea crescono meglio al di sotto dei 25 °C e poi rallentano la crescita quando la temperatura si alza. La maggior parte tende ad iniziare lo sviluppo vegetativo molto presto e fiorisce in primavera o all’inizio dell’estate.
Le graminacee da stagione calda, come ad esempio: Cortaderia selloana, Miscanthus sp., Molinia sp., Panicum virgatum, Pennisetum cominciano a vegetare sopra i 25°C. Il completo sviluppo del fogliame avviene a stagione inoltrata e le fioriture iniziano alla fine dell’estate. È sconsigliabile piantarle in autunno in quanto, da giovani, non tollerano bene l’eccessiva umidità e il freddo invernale.

Il capsicum annuum o peperoncino ornamentale

Capsicum – Peperoncino Ornamentale

 Principali Caratteristiche
Periodicità Annuale
esposizione Pieno sole – Mezz Ombra
Irrigazione Normale
Terreno Ricco, fertile, e ben drenato
Fioritura Assente

Principali caratteristiche della pianta

Capsicum – Peperoncino Ornamentale

I frutti sono dei piccoli peperoni in miniatura, coriacei e commestibili, che hanno colore verde quando sono acerbi, giallo, rosso vivo, viola, porpora o marrone quando giungono a maturazione. L’altezza può variare da 15 cm a un metro.

Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

Non ha particolari esigenze. anche se preferisce un terreno ricco, fertile, e molto ben drenato

La luce ottimale per le piante

Esposizione

Necessita di almeno alcune ore al giorno di irradiamento solare. Nel periodo della maturazione dei frutti

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticita’

Nelle zone più fredde deve essere portato al riparo ai primi di ottobre cercando di mantenere la temperatura al di sopra dei 10 °C.

Irrigare le piante in modo corretto

Annaffiatura

Da Marzo a settembre si consiglia di irrigare sporadicamente ma con quantità abbondanti d’acqua, per favorire uno sviluppo ottimale delle radici e conseguentemente di fiori e frutti, facendo attenzione a non creare ristagni idrici

quando come e quanto concimare

Concimazione

E’ bene concimare spesso usando pero’ una quantita’ ridotta di concime

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

Se le foglie del Capsicum appassiscono e cadono è possibile che soffrano per una scarsa illuminazione, temperatura sbagliata, concimazioni o irrigazioni insufficienti.
Possono anche essere attaccati dai ragnetti rossi. E’ comunque una pianta piuttosto resistente che riesce a contrastare l’attacco di numerosi parassiti.

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

Per quanto riguarda la cura, il capsicum non è una pianta particolarmente difficile da mantenere. 
Con la vostra fantasia e abbinandoli ad altre piantine tipo erica o graminacee potrete creare composizioni con stupendi giochi cromatici

Kenzia o Kentia la palma sempreverde da appartamento

Kentia

 Principali Caratteristiche
Periodicità Perenne
esposizione Ambienti molto luminosi
Irrigazione Normale
Terreno Universale leggermente torboso e sabbioso
Fioritura Assente

Principali caratteristiche della pianta

Kentia – Howea fosteriana

Le kentia sono essenzialmente delle palme gradevolmente slanciate ed essendo delle piante tropicali sono molto sensibili alle basse temperature.
Crescono lentamente ma hanno bisogno di spazio.

Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

Predilige un terreno normale leggermente torboso e sabbioso

La luce ottimale per le piante

Esposizione

la Kentia ama i luoghi luminosi ma non la luce diretta del sole. Si sviluppa abbastanza rigogliosa anche in penombra.

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticita’

La Kenzia preferisce il caldo secco tipico di un appartamento riscaldato nella stagione invernale, mentre d’estate è buona norma ripararle dalle correnti d’aria

Irrigare le piante in modo corretto

Annaffiatura

La Kenzia necessita di annaffiature abbondanti, non invasive (soprattutto non si devono bagnare il tronco ed i piccioli che rischierebbero di marcire) e regolari. Potrebbero rendersi utili anche delle vaporizzazioni sulla chioma al fine di mantenere il livello di umidità abbastanza elevato e di pulire le foglie.

quando come e quanto concimare

Concimazione

Per la concimazione della Kenzia è consigliato l’utilizzo di un concime liquido da diluire nell’acqua delle annaffiature, ogni venti giorni circa durante la stagione estiva da aprile ad ottobre.

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

La kentia pur essendo una pianta molto resistente e longeva puo’  essere attaccata dal ragnetto rosso il quale provocherà l’ ingiallimento delle foglie e dalla  cocciniglia
Se notate un ingiallimento o se le foglie basali diventano brune e disseccano è normale, se invece succede a quelle nuove è indice di bagnature errate.
Se la pianta presenta i bordi marroni delle foglie significa che l’umidità dell’aria è secca, nebulizzare periodicamente.

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

Uno dei problemi più comuni della kentia e’ l’ ingiallimento delle foglie. Tale problema puo’ essere causato dal ragnetto rosso oppure da una non corretta irrigazione.
Si consiglia una periodica pulizia delle foglie con uno straccio umido,  l’ eliminazione delle foglie secche ed evitare ristagni idrici.

Pianta maestosa ed elegante ha bisogno di ampi spazi per poter apprezzare la sua bellezza.

Consigli per coltivare Ibisco

Hibiscus – Ibisco

 Principali Caratteristiche
Periodicità Annuale – Perenne
esposizione Pieno sole
Irrigazione Normale
Terreno Fresco con buon drenaggio
Fioritura Periodo Estivo

Principali caratteristiche della pianta

Ibisco

L’ibisco appartiene alla famiglia delle Malvaceae. Ne esistono oltre 200 specie ed e’ originaria dell’Asia.
L’ibisco e’ un arbusto con fioritura estiva (giugno – Settembre ) I colori più comuni dei fiori sono il rosa, il rosso, il giallo o il bianco.
Non è difficile da coltivare ma e’ fondamentale posizionarlo nel posto corretto.
Esistono delle varietà di ibisco erbaceo (resistenti anche al freddo) che fanno fiori molto grandi e possono raggiungere anche i 20 cm di diametro

Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

L’ Ibiscus ama un terreno fresco, ben drenato, fertile e ricco di sostanze organiche

La luce ottimale per le piante

Esposizione

Ama il sole ed il caldo, quindi si consiglia di  posizionarla in una posizione ben luminosa,  tollera molto bene anche i raggi solari diretti.
Nelle varietà a fiore grande i fiori sono molto delicati e quindi si consiglia di posizionarli in zone riparate dal vento che potrebbe rovinare i petali

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticità

Le varietà perenni sono molto rustiche e riescono a sopportare temperature inferiori a 0°C
Consigliamo invece di ritirare in una stanza luminosa e calda le varietà tropicali quando la temperatura si abbassa sotto i 10°C 

Irrigare le piante in modo corretto

Annaffiatura

L’ ibiscus deve essere annaffiato ogni volta che il terreno diventa asciutto e specialmente durante l’estate quando fa più caldo.

quando come e quanto concimare

Concimazione

Va concimato una volta all’anno in primavera con concime chimico a lenta cessione per piante fiorite.
Durante la fioritura concimare ogni 15 giorni con concime liquido per piante fiorite

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

Pur essendo arbusti resistenti possono essere attaccati da vari parassiti, anche se raramente in maniera grave. I più comuni sono gli afidi, le cocciniglie e il ragnetto rosso.
In questi casi dovranno essere trattati con appositi insetticidi e con un acaricida per il ragnetto rosso.
Se le foglie ingialliscono e i boccioli cadono prima di fiorire le cause possono essere irrigazioni troppo frequenti, esposizione eccessiva e ambiente troppo secco

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

Nelle varietà perenni – arbustive si richiede una potatura energica a febbraio, per favorire l’emissione di nuovi getti, quelli che produrranno i fiori.
Le varietà erbacee devono essere tagliate a zero ovvero livello del terreno.
Le varietà tropicali hanno una crescita molto lenta e quindi consigliamo di non potarle per favorirne la fioritura e di utilizzare un terreno leggermente acido.
Una volta trovata la giusta collocazione per il nostro Ibiscus, le cure e le attenzioni da riservargli sono davvero poche.
Per favorire una fioritura continua e prolungata consigliamo di tagliare i boccioli sfioriti 

Come avere ortensie bellissime

Hydrangea – Ortensia

 Principali Caratteristiche
Periodicità Perenne
esposizione Mezz Ombra – Sole
Irrigazione Abbondante
Terreno Acido o poco calcareo, ben drenato
Fioritura Estate

Principali caratteristiche della pianta

Ortensia

Le ortensie sono apprezzate la bellezza del loro fogliame, per le fioriture durevoli e per le poche cure che richiede la loro coltivazione.
Esistono piu’ di 40 varietà di ortensia le piu’ comuni sono:
Paniculata, macrophylla , quercifolia, arborescens, serrata, involucrata, petiolaris

Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

 Il terreno non dev’essere troppo calcareo e dev’essere ben drenato per evitare ristagni idrici.
Le caratteristiche del terreno influenzeranno il colore delle ortensie se il terreno è neutro/alcalino l’ortensia darà i suoi fiori di colore rosei mentre se il terreno è acido i fiori saranno di color azzurro-bluastro .

La luce ottimale per le piante

Esposizione

Esistono numerevoli specie di ortensie, alcune preferiscono ambienti soleggiati altre invece preferiscono la mezz’ ombra
Nelle regioni più calde è consigliabile metterle a dimora a mezz’ ombra.

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticita’

Le ortensie sono quasi tutte molto resistenti al gelo.  Alcune  come le paniculata e arborescens possono essere coltivate anche in quota.

Irrigare le piante in modo corretto

Annaffiatura

Le Hydrangee vanno innaffiate regolarmente, assicurandosi che il terreno risulti sempre umido ma facendo attenzione ai ristagni d’acqua.

quando come e quanto concimare

Concimazione

Sono piante esigenti dal punto di vista della concimazione che va fatta una volta all’anno, in autunno con concime organico e in primavera con concime chimico a lenta cessione.

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

Le ortensie possono essere soggette a malattie fungine e colpite da parassiti.
Le muffe sono pero’ la malattia piu’ comune.
Le muffe possono essere eliminate controllare che il terreno di coltivazione abbia un buon grado di drenaggio per impedire il formarsi di ristagni d’acqua.

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

Le piante delle ortensie hanno una crescita molto veloce e quindi richiedono una potatura annuale.
Generalmente le ortensie vanno potate in autunno, quando finiscono di fiorire.
Tagliate i rami vecchi a circa 30 centimetri dal suolo e a un paio di centimetri da una coppia di gemme perché è da qui che nasceranno due rami nuovi che regaleranno la fioritura delle ortensie nella primavera che segue.