Un velo per proteggere le piante dalle gelate

 

In Italia settentrionale gli inverni sono sovente lunghi e rigidi.
Questo potrebbe essere un serio pericolo per la sopravvivenza di alcune delle nostre piante , specialmente se coltivate all’ esterno e in vaso.
Se possedete una rimessa, nella stagione invernale vi consigliamo di trasferite le piante in vaso in questo luogo protetto.

Il locale ospitante dovrà avere le seguenti caratteristiche:
– Luminosità adeguata al tipo di pianta
– Temperatura interna superiore ai 5 gradi centigradi e quasi costante

Per chi non possiede uno spazio idoneo per riporre le piante, vi consiglio di ricoprire il vaso e la pianta stessa con il “Velo da Sposa
Il velo da sposa ovvero il TNT (tessuto non tessuto) è leggero, permeabile all’ acqua e traspirante, lascia filtrare la luce, e non ostacola in nessun modo il regolare sviluppo della pianta proteggendola dalle gelate.

Molto importante e’ fissare bene il velo senza piegare eccessivamente i rami che si potrebbero spezzare.

Il tessuto non tessuto non è impermeabile quindi è preferibile posizionare le piante in luoghi riparati, l’ ideale sarebbe un muro esposto a sud o sotto un porticato, in questo modo le piante saranno anche al riparo dal vento.

Per le piante messe a dimora in piena terra consigliamo di ricoprire il tronco e la chioma con il velo da sposa e utilizzare le foglie come pacciamante.
Le foglie proteggeranno il terreno dalle gelate e saranno un perfetto ingrediente per una pacciamatura completamente naturale

Le principali piante da esterno che devono essere protette durante il periodo invernale sono: Agrumi (consigliamo di riporli in un luogo protetto) ,Ulivo, Camellia, Oleandro, Mimosa, Melograno …

NB:
Gli agrumi consigliamo di riporli al riparo in ambienti chiusi e luminosi dove non vi siano assolutamente delle casse di mele in quanto la sostanza emessa dalle mele defoglia gli agrumi

Calluna

Calluna


Principali Caratteristiche della Calluna

PeriodicitàPerenne
EsposizioneSemi ombreggiata-sole
IrrigazioneNormale
TerrenoTerreno per acidofile
FiorituraSettembre – Dicembre
Principali caratteristiche della pianta

Calluna vulgaris

La Calluna vulgaris è una pianta che appartiene alla famiglia delle ericacee. E’ una tappezzante che non supera i 30 cm di altezza, sempreverde e con fioritura autunnale. La calluna può essere posizionata su balconi, terrazzi e davanzali.
Bellissima come pianta singola, la calluna si presta molto bene ad associazioni con piante invernali (Calocephalus, muehlenbeckia, conifere, ciclamini, veroniche, carex) per realizzare composizioni d’ effetto.
La fioritura avviene in autunno da settembre fino a fine novembre/dicembre. Ne esistono di moltissimi colori: viola, rosa fuxia, bianco. Alcune varietà sono ricercate per il colore del fogliame che può essere grigio, aranciato e verde acido.



Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

La Calluna ama un Terreno acido, torboso e ben drenato.

La luce ottimale per le piante

Esposizione

È una pianta che predilige posizioni soleggiate solo se le temperature non sono molto elevate, nei luoghi dove le estati sono molto calde è meglio metterla a mezz’ombra per favorire una migliore crescita. Nel periodo autunnale quindi possiamo metterla in qualsiasi esposizione per via delle temperature più fresche, se messe in ombra piena la fioritura perdura per più tempo.

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticità

Pianta molto rustica che non soffre le basse temperature.

Irrigare le piante in modo corretto

Annaffiatura della calluna

Annaffiare abbondantemente e in modo regolare, aspettando sempre che il terreno si asciughi fra due irrigazioni successive. Meglio evitare di bagnare le parti della pianta per evitare marciumi radicali.

quando come e quanto concimare

Concimazione della calluna

Concimare in primavera e in autunno con concime granulare o liquido per piante acidofile

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

Pianta molto rustica che difficilmente viene attaccata da patogeni

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

Dopo la fioritura consigliamo di eseguire una potatura in modo da eliminare le cime sfiorite e ridare una forma omogenea alla pianta.


Nel “Garden Roagna Vivai Cuneo ” oltre alle piante di Calluna troverete in vendita una vasta selezione di piante d’ appartamento, balcone, terrazzo e giardino.
Fatevi consigliare dal nostro team , seguendovi durante l’ acquisto Vi suggeriranno le soluzioni più adatte per creare il vostro angolo verde o fiorito

Bulbi a Fioritura Primaverile

Principali Caratteristiche
Periodicità Perenne
esposizione  
Irrigazione Moderata
Terreno Soffice, ben drenato
Fioritura Primavera

Principali caratteristiche della pianta

Bulbi a Fioritura Primaverile

L’autunno è il momento ideale per porre a dimora i bulbi a fioritura primaverile, in modo da poter godere di questi splendidi fiori all’ inizio della primavera.
I bulbi vanno messi a dimora 15-20 giorni prima dell’arrivo delle forti gelate invernali.
Le bulbose che fioriscono in primavera sono tantissime, le principali sono:
Giacinto, Narcisi e Tulipani, Fritillaria, Erythronium, Ciclamini, Lilium, Gigli e Fresie.

Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

Prima di porre a dimora i bulbi, bisogna lavorare bene il terreno in modo da renderlo soffice, aggiungere della sabbia di fiume per favorire il drenaggio ed impedire ristagni idrici, e del concime organico ben maturo per offrire un substrato ricco che favorisca la crescita delle radici. I bulbi vanno interrati ad una profondità pari a circa 2 volte il diametro del bulbo. pollo

Principali caratteristiche della pianta

Consigli

I bulbi si piantano molto prima della fioritura e quindi potrebbe succedere di dimenticarsene e ricordarselo solo ora, ovvero a inizio fioritura.
Non preoccupatevi nel nostro garden potrete trovare vasetti con i bulbi primaverili piantumati al tempo giusto  e pronti per essere travasati nelle vostre aiuole e o composizioni

Liquidambar

Liquidambar


Principali Caratteristiche del Liquidambar

PeriodicitàPerenne
EsposizionePieno sole
IrrigazioneModerata e regolare
Terrenoterreno sciolto e ben drenato
Fioritura
Principali caratteristiche della pianta

Liquidambar

Il Liquidambar è un albero dalla bellezza straordinaria molto usato per abbellire i giardini e soprattutto per dare un po’ di verde e di colore a strade e viali.
Soprattutto nel periodo autunnale ovvero quando le sue foglie diventano di color porpora o arancione ci lasciano senza fiato



Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

I liquidambar preferiscono i terreni leggermente acidi, che siano ben drenati e ricchi. Per la sua buona salute è importante che il terreno sia sufficientemente umido.

La luce ottimale per le piante

Esposizione

Il Liquidambar deve essere messo a dimora in luoghi soleggiati o al massimo un po’ ombreggiati e al riparo dei venti freddi.
Se la pianta sarà piantumata in pieno sole la sua colorazione autunnale sarà più intensa

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticità

Non teme il freddo, resiste alle basse temperature sino a -15

Irrigare le piante in modo corretto

Come annaffiare i Liquidambar

L’irrigazione è un aspetto importante soprattutto per gli esemplari giovani i quali , nella bella stagione, devono essere annaffiati ogni qualvolta il substrato risulta asciutto.
In inverno, le somministrazioni possono essere sospese.
I Liquidambar già grandi non necessita di innaffiature regolari, neanche durante la bella stagione ma è importante che non siano sottoposti di lunghi periodi di siccità.

quando come e quanto concimare

Concimare i Liquidambar

Concimare con del concime ricco in azoto, almeno 2 volte all’anno, all’inizio della primavera e all’inizio dell’autunno; si può utilizzare del concime organico maturo, oppure del concime granulare a lenta cessione.

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

Sono piante resistenti alle malattie ma possono essere colpiti dagli afidi e dalle larve minatrici che devono essere eliminati e contrastati con prodotti adeguati.

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

I liquidambar non andrebbero mai potati, salvo qualche sporadico taglio che elimini i rami secchi o storti in quanto si rischia di danneggiare il loro portamento naturale.
Se si desidera che la chioma parta da una certa altezza, nei primi anni di vita bisogna tagliare tutti i rami sino a 2 m di altezza.


Nel “Garden Roagna Vivai Cuneo ” oltre alle piante di Liquidambar troverete in vendita una vasta selezione di piante d’ appartamento, balcone, terrazzo e giardino.
Fatevi consigliare dal nostro team , seguendovi durante l’ acquisto Vi suggeriranno le soluzioni più adatte per creare il vostro angolo verde o fiorito

Zinnia

Zinnia


Principali Caratteristiche della Zinnia

PeriodicitàAnnuale
EsposizionePieno sole
IrrigazioneModerata e regolare
Terrenoterreno sciolto e ben drenato
Fioriturada Giugno a Ottobre
Principali caratteristiche della pianta

Zinnia

La Zinnia è una pianta annuale di varie dimensioni Ideale per aiuole e bordure.
Produce fiori davvero splendidi, molto graditi alle farfalle.
Esistono più di 20 varietà di zinnia che differiscono principalmente per le dimensioni del fusto e per la forma e colore dei petali che spazia dall’arancione al rosso, al lilla, giallo, bianco, viola …

.



Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

Le Zinnie crescono senza problemi in qualsiasi terreno da giardino, preferendo comunque i terreni sciolti, ben drenati e ricchi di materia organica.

La luce ottimale per le piante

Esposizione

Le Zinnie per avere una buona fioritura necessitano almeno di alcune ore di sole al giorno. Consigliamo quindi di porle a dimora in pieno sole

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticita’

La zinnia è una pianta che ama il caldo.
Sopporta benissimo il caldo ma non resiste al freddo, si consiglia di non esporla a temperature sotto gli 8-10 °C. Vi consigliamo di posizionare la pianta in zone non soggette ad eccessivi sbalzi di temperatura o correnti d’aria

Irrigare le piante in modo corretto

Come annaffiare la Zinnia

Anche in estate, le irrigazioni non devono essere troppo abbondanti ma effettuate solo quando il terreno è completamente arido in quanto umidità ed eccessi d’acqua possono dar vita a muffe e malattie fungine molto pericolose.

quando come e quanto concimare

Concimare la Zinnia

Effettuare una buona concimazione prima dell’impianto. Successivamente per avere una bella fioritura compatta concimare con fertilizzanti ricchi di fosforo e potassio durante tutto il periodo vegetativo.

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

Le Zinnie sono piuttosto resistenti all’attacco di parassiti e malattie ma, in determinate condizioni ambientali, possono venire attaccate dalle cocciniglie.
Umidità ed eccessi d’acqua, invece, possono dar vita a muffe e malattie fungine molto pericolose.

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

Ci sono moltissimi molti motivi per cui dovresti coltivare la Zinnia:
Facili da coltivare, le fioriture durano molto, attirano gli insetti impollinatori e quindi sono perfette per l’ orto, ne esistono di moltissimi colori, i fiori attirano le farfalle …


Nel “Garden Roagna Vivai Cuneo ” oltre alle piante di Zinnie troverete in vendita una vasta selezione di piante d’ appartamento, balcone, terrazzo e giardino.
Fatevi consigliare dal nostro team , seguendovi durante l’ acquisto Vi suggeriranno le soluzioni più adatte per creare il vostro angolo verde o fiorito

Bocca di Leone

Bocca di Leone


Principali Caratteristiche della Bocca di Leone

PeriodicitàAnnuale – Perenne
EsposizionePieno sole o mezz’ ombra
IrrigazioneModerata e regolare
Terrenoterreno ricco di materiale organico e ben drenato
Fioriturada Maggio a fine Autunno
Principali caratteristiche della pianta

Bocca di Leone

La bocca di leone è una pianta erbacea dalla forma particolare; il suo nome scientifico è Antirrhinum majus, dove l’etimologia della parola deriva dai termini greci Anti e Rhin che significano proprio naso di leone.
I fiori si dispongono a grappolo lungo lo stelo che può raggiungere i 25 125 cm di altezza

.



Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

Le bocche di leone non richiedono un terreno particolare. Comunque per una crescita ottimale si consiglia di utilizzare un terreno ricco di materia organica, leggero e soprattutto ben drenato, in modo da evitare ristagni d’acqua

La luce ottimale per le piante

Esposizione

Per avere una fioritura ottimale le bocche di leone hanno bisogno di molta luce quindi si consiglia di posizionarle in pieno sole o mezz ombra

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticita’

Sopportano il caldo, ma non le temperature fredde; in inverno è preferibile porle al riparo dal gelo. Questo è il motivo per cui anche se la pianta è perenne in molte zone risulta essere annuale

Irrigare le piante in modo corretto

Come annaffiare la Bocca di Leone

Le annaffiature devono essere regolari, ma non abbondanti.
Fra due annaffiature successive attendere che il terreno si asciughi; queste piante, infatti, non sopportano gli eccessi d’acqua. In inverno è preferibile che il terreno rimanga quasi asciutto.

quando come e quanto concimare

Concimare la Bocca di Leone

Per avere una ricca fioritura ricordarsi di concimare le piante ogni 15 giorni con un concime liquido specifico per piante fiorite

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

Le Bocche di leone non sono esenti dall’attacco di funghi e parassiti, come gli afidi e il ragnetto rosso.
Inoltre bisogna fare molta attenzione ai ristagni idrici che provocano il marciume delle radici causando la morte del fiore.

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

Periodicamente eliminate i fiori oramai appassiti e gli steli secchi. Per rinfoltire la pianta si possono tagliare le cime, in questo modo si andrà a contenere l’altezza e rafforzare la fioritura


Nel “Garden Roagna Vivai Cuneo ” oltre alle piante di Bocca di Leone troverete in vendita una vasta selezione di piante d’ appartamento, balcone, terrazzo e giardino.
Fatevi consigliare dal nostro team , seguendovi durante l’ acquisto Vi suggeriranno le soluzioni più adatte per creare il vostro angolo verde o fiorito

Kako – Caco


Principali Caratteristiche del Kako – Caco

PeriodicitàPerenne
EsposizioneAma una posizione soleggiata
IrrigazioneModerata e regolare
Terrenoterreno ricco di materiale organico e ben drenato
MaturazioneLa raccolta dei frutti avviene ad ottobre-novembre
Principali caratteristiche della pianta

Kako – Caco

Nei mesi di ottobre-Novembre la pianta di caco produce dei frutti di forma tondo-ovale, a seconda della varietà, e di un bellissimo colore giallo-arancione.La polpa del caco è succosa, molto gustosa e zuccherina.
Il Caco oltre ad essere un ottima pianta da frutto è anche una bellissima pianta ornamentale, grazie alle sue foglie che mutano di colore in autunno e ai suoi rami sinuosi

.



Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

Non ha preferenze particolari sulla tipologia di terreno anche se cresce più sano e con maggiore vigore se piantumato in terreni fertili, freschi ed areati, privi di ristagni idrici

La luce ottimale per le piante

Esposizione

E’ molto importante che la pianta del caco riceva una buona esposizione alla luce diretta del sole inoltre deve essere protetto dal vento

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticita’

Pur essendo una pianta che predilige il clima mediterraneo ha una elevata resistenza alle basse temperature può sopportare fino a -15 °C. Solamente le piante giovani potrebbero danneggiarsi se esposte per troppo tempo a temperature troppo basse

Irrigare le piante in modo corretto

Come annaffiare il Caco

La pianta dei cachi necessita di pochissima irrigazione. Tuttavia per avere una migliore produzione di frutti, durante il periodo estivo bisogna ricordarsi di aumentare le innaffiature.

quando come e quanto concimare

Concimare

La concimazione non è indispensabile ma consigliamo una concimazione con concime organico in autunno o in primavera

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

La pianta del kaki non è particolarmente soggetta a malattie e attacchi di parassiti. Tuttavia a volte potrebbe verificarsi l’attacco di cocciniglie che indeboliscono sensibilmente la pianta.
Un insetto a cui bisogna poi prestare attenzione è la mosca della frutta

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

Consigliamo di raccogliere i frutti quando devono ancora completare la maturazione, in questo modo non verranno danneggiati durante il trasporto e la raccolta.
Successivamente bisognerà attendere che il frutto diventi arancione intenso e la polpa morbida e gelatinosa., solo allora il frutto sarà pronto per essere consumato


Nel “Garden Roagna Vivai Cuneo ” oltre alle piante di Kako – Caco troverete in vendita una vasta selezione di piante d’ appartamento, balcone, terrazzo e giardino.
Fatevi consigliare dal nostro team , seguendovi durante l’ acquisto Vi suggeriranno le soluzioni più adatte per creare il vostro angolo verde o fiorito

Ficus Carica – Fico


Principali Caratteristiche del Ficus Carica – Fico

PeriodicitàPerenne
EsposizioneAma una posizione soleggiata
IrrigazioneModerata e regolare
Terrenoterreno ricco di materiale organico e ben drenato
MaturazioneLa raccolta dei frutti avviene ad ottobre-novembre
Principali caratteristiche della pianta

Fico

Il Ficus Carica comunemente chiamato fico è un albero da frutto. Può raggiungere un’altezza di 5m.
E’ una pianta molto rustica ma necessita di molto sole e deve essere protetta dal vento.
Se non dovesse portare frutti , sarà comunque un eccellente albero d’ornamento e per l’ombra.

.



Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

Non ha preferenze particolari sulla tipologia di terreno anche se cresce più sano e con maggiore vigore se piantato in un terreno soffice e con un buon drenaggio in quanto non tollera i ristagni idrici.

La luce ottimale per le piante

Esposizione

L’esposizione ideale delle piante di fico è a sud, in una zona soleggiata, preferibilmente al riparo da forti correnti di vento.

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticita’

Il Ficus carica gradisce climi caldi non umidi, non tollera a lungo temperature inferiori ai −10, −15 °C

Irrigare le piante in modo corretto

Come annaffiare il Fico

Per quanto riguarda l’irrigazione, il ficus carica non è particolarmente esigente ma necessita di essere annaffiato regolarmente nel periodo estivo e primaverile , in inverno e in autunno le irrigazioni possono anche essere sospese

quando come e quanto concimare

Concimare

Vi consigliamo di somministrare un concime speciale per alberi da frutto in primavera, e poi a giugno-luglio.

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

Temperature eccessivamente basse e prolungate oppure la grandine sono i peggiori nemici del Ficus Carica.
Marciume radicale e la mosca della frutta sono gli altri nemici del fico

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

Se decidete di mettere a dimora un fico vi consigliamo di effettuare tale operazione in autunno.
All’ inizio della primavera potate le piante giovani per favorirne la ramificazione.
Per le piante piantumate in vaso nel periodo invernale proteggere la zolla avvolgendo il vaso con telo di copertura


Nel “Garden Roagna Vivai Cuneo ” oltre alle piante di Fico troverete in vendita una vasta selezione di piante d’ appartamento, balcone, terrazzo e giardino.
Fatevi consigliare dal nostro team , seguendovi durante l’ acquisto Vi suggeriranno le soluzioni più adatte per creare il vostro angolo verde o fiorito

Punica Granatum – Melograno


Principali Caratteristiche del Melograno

PeriodicitàPerenne
EsposizioneAma una posizione soleggiata
IrrigazioneModerata e regolare
Terrenoterreno ricco di materiale organico e ben drenato
MaturazioneLa raccolta dei frutti avviene ad ottobre-novembre
Principali caratteristiche della pianta

Melograno

Il Melograno è una pianta molto resistente, richiede una manutenzione ridotta, ed ha un frutto molto apprezzato.
Il melograno ha molti pregi e pochissimi “difetti”, motivo per cui gli amanti del giardinaggio e gli architetti paesaggistici sempre più usano questa pianta nella realizzazione di giardini.



Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

Non ha preferenze particolari sulla tipologia di terreno anche se cresce più sano e con maggiore vigore se piantato in un terreno con un buon drenaggio

La luce ottimale per le piante

Esposizione

le piante di Punica granatum amano un esposizione soleggiata e traggono il massimo beneficio dall’irradiazione diretta

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticita’

Se le temperature scendono al di sotto dei -10 °C, la pianta seccherà, ma, in seguito, potrà produrre comunque nuovi polloni..

Irrigare le piante in modo corretto

Come annafiare il Melograno

Una volta adulto è resistente a condizioni di limitata irrigazione.
Irrigare moderatamente in modo da avere un terreno leggermente umido ma mai bagnato.
Una irrigazione eccessiva può causare marciumi radicali, seri danni alla pianta e la caduta di fiori e frutti, se invece viene irrigato troppo poco si avrà la spaccatura dei frutti

quando come e quanto concimare

Concimare

Per ottenere uno sviluppo vegetativo adeguato, una fioritura colorata e un buon raccolto di frutti, utilizzate del concime con adeguati livelli di azoto (N) e di potassio (K).
Sarebbe opportuno effettuare almeno due concimazioni all’anno, una in primavera, prima del risveglio vegetativo, l’altra in estate.

.

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

Il melograno è una pianta resistente alla maggior parte dei parassiti. Tuttavia, Afidi, ragnetto rosso e cocciniglie possono depositarsi su foglie e germogli.
In caso si riscontri la presenza di questi insetti, meglio intervenire prontamente con adeguati trattamenti insetticidi, da preferire prodotti di origine naturale, rispettosi dell’ambiente

.

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

Il melograno ha un apparato radicale non invasivo e relativamente poco profondo. Quindi soprattutto le varietà con portamento compatto e dalla crescita contenuta possono essere piantumate anche in vaso.
Ricordarsi di usare vasi adeguati alla sua grandezza.
Ogni due o tre anni è consigliabile rinvasare la pianta in un vaso di dimensioni maggiori.


Nel “Garden Roagna Vivai Cuneo ” oltre ai Melograni – Punica Granatum troverete in vendita una vasta selezione di piante d’ appartamento, balcone, terrazzo e giardino.
Fatevi consigliare dal nostro team , seguendovi durante l’ acquisto Vi suggeriranno le soluzioni più adatte per creare il vostro angolo verde o fiorito

Trachelospermum jasminoides


Principali Caratteristiche del Trachelospermum jasminoides

PeriodicitàPerenne
EsposizioneAma una posizione soleggiata
IrrigazioneModerata e regolare
Terrenoterreno ricco di materiale organico, soffice e ben drenato
FiorituraIn estate nei mesi di giugno e luglio
Principali caratteristiche della pianta

Gelsomino sempreverde

Il Trachelospermum jasminoides, conosciuto anche come gelsomino sempreverde, cresce rigoglioso in tutta Italia.

Il Trachelospermum jasminoides viene comunemente chiamato Falso Gelsomino o Gelsomino sempreverde.
E’ un rampicante sempreverde molto resistente.
Viene coltivato per i suoi fiori caratterizzati da un dolce e intenso profumo.
Viene utilizzato per coprire recinzioni, decorare tralicci, gazebo o grigliati in ferro e in legno.
Inoltre il gelsomino è molto facile da coltivare sia in piena terra o in vaso, in giardino o in terrazzo.



Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

Il gelsomino sempreverde ama un terreno ricco di materiale organico, soffice e ben drenato, tuttavia ha uno sviluppo adeguato anche nella normale terra da giardino.

La luce ottimale per le piante

Esposizione

Se posizionato al sole produce una grande quantità di fiori, con foglie caratterizzate da un bel colore verde intenso.
In posizioni di mezz’ombra, riduce la fioritura e le foglie saranno più sottili ed allungate. In ombra, la fioritura diventa sporadica

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticita’

Il Trachelospermum jasminoides cresce rigoglioso in tutta Italia, ad eccezione di quelle regioni dove le temperature durante l’inverno sono particolarmente rigide.

Irrigare le piante in modo corretto

Come annafiare il Gelsomino

Per mantenere la pianta sana e rigogliosa durante la stagione calda consigliamo di effettuare irrigazioni abbondanti e costanti .
Le piante in vaso necessitano di una maggiore quantità di acqua rispetto a quelle coltivate in piena terra

quando come e quanto concimare

Concimare il Gelsomino

Consigliamo di effettuare due concimazioni all’anno, ( soprattutto se le piante sono giovani) la prima all’inizio della primavera ovvero al risveglio vegetativo, la seconda a settembre/ottobre, prima del riposo vegetativo.

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

Il Falso Gelsomino non è soggetto a particolari malattie. Specialmente sui terrazzi, in condizioni di scarsa ventilazione, i giovani germogli possono essere colpiti da afidi. Questi possono essere tranquillamente rimossi con trattamenti insetticidi, possibilmente di origine naturale.

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

Per limitare le piante agli spazi a loro dedicate e impedire che raggiungano dimensioni eccessive è sufficiente effettuare una potatura all’anno, dopo la fioritura.
Con piante particolarmente vigorose, consigliamo di ripetere la potatura in autunno ma senza esagerare


Nel “Garden Roagna Vivai Cuneo ” oltre ai Gelsomini troverete in vendita una vasta selezione di piante d’ appartamento, balcone, terrazzo e giardino.
Fatevi consigliare dal nostro team , seguendovi durante l’ acquisto Vi suggeriranno le soluzioni più adatte per creare il vostro angolo verde o fiorito