Perovskia


Principali Caratteristiche della Perovskia

PeriodicitàPerenne
EsposizionePieno Sole
IrrigazioneModerata
TerrenoTerreno ben drenato
FiorituraEstiva
Principali caratteristiche della pianta

Perovskia

La Perovskia è una pianta erbacea perenne che sviluppa fusti legnosi o semilegnosi, abbastanza ramificati, che danno origine ad un piccolo arbusto tondeggiante, alto anche 90-100 cm. Il fogliame è di colore verde-grigiastro, semi-sempreverde. Dalla primavera inoltrata, fino all’estate, sbocciano piccoli fiori di colore viola-blu.

Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

Può essere piantumata anche nella comune terra da giardino, preferisce comunque terreni sabbiosi, molto ben drenati, con una buona quantità di materiale organico.
L’ importante è che nel terreno non si formino ristagni d’ acqua che potrebbero causare il marciume radicale della pianta

La luce ottimale per le piante

Esposizione

Predilige esposizioni soleggiate (almeno 4-6 ore di sole diretto) per una fioritura ricca

La temperatura perfetta per la tua pianta

Perovskia e rusticita’

Pianta molto rustica che non teme assolutamente il freddo e la neve.

Irrigare le piante in modo corretto

Annaffiatura della Perovskia

La Perovskia è una pianta rustica che solitamente si accontenta delle piogge. In caso di estati calde e lunghi periodi di siccità si può procedere con l’annaffiatura.

quando come e quanto concimare

Concimazione

Concimare in primavera con concime granulare a lenta cessione.

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

E’ una pianta piuttosto rustica e resistente, poco soggetta a parassiti e malattie in alcuni casi potrebbe essere attaccata dagli afidi.

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

Per mantenere l’arbusto più compatto e denso è consigliabile tagliare le piante fino a 15-20 cm dal terreno, in gennaio-febbraio..


Nel “Garden Roagna Vivai Cuneo ” oltre alle Perovskia troverete in vendita una vasta selezione di piante d’ appartamento, balcone, terrazzo e giardino.
Fatevi consigliare dal nostro team , seguendovi durante l’ acquisto Vi suggeriranno le soluzioni più adatte per creare il vostro angolo verde o fiorito

Lavori Estivi nell’ Orto

Nei mesi di luglio e agosto possiamo approfittare di abbondanti raccolti, infatti in questo periodo molti ortaggi sono nel pieno della loro produzione, come pomodori, melanzane e peperoni, mentre per altri sta volgendo a termine, per questo motivo sono necessari dei rimpiazzi o delle nuove piantumazioni per le produzioni autunnali – invernali.


La semina nel mese di Luglio

sementi orto professionali

Nel mese di luglio si possono riseminare fagioli, fagiolini, biete, zucchini, assicurandoci così un raccolto prolungato di tali ortaggi anche in autunno, fino a che il clima lo permette.
Questa è un’operazione necessaria, perché alcune piante seminate in primavera, durante l’estate possono essere colpite da parassiti che ne determinano la precoce fine della produzione.
Ad esempio gli zucchini possono esser colpiti dall’oidio (mal bianco) che dovremmo andare a trattare con prodotti biologici a base di zolfo, mentre i fagioli e fagiolini, possono essere colpiti da ragnetto rosso, e dovranno essere trattati con prodotti biologici a base di propoli

Una curiosità inerente i fagioli e i fagiolini:
quando si va ad eliminare le piante appassite, sarebbe meglio lasciare le radici interrate, perché su di esse vivono dei batteri che fissano l’azoto nel terreno, questo è utile per aumentare la fertilità del nostro orto.


La piantumazione degli ortaggi autunnali

Nel mese di luglio si possono piantare gli ortaggi autunnali, come cicorie/ radicchi, cavoli, cavolfiori, broccoli, finocchi e porri, li potrete trovare in comode vaschette, per migliorare l’ attechimento ricordatevi di piantarle al mattino presto o meglio ancora di sera e di annaffiatele regolarmente durante le settimane successive al trapianto.
Possiamo incominciare a seminare le rape, operazione che va fatta direttamente nell’orto, ricordandosi di mantenere umido il terreno per favorire la germinazione dei semi, fate attenzione a seminarle nel modo più uniforme possibile per evitare di far nascere in alcuni punti piantine troppo vicine.


La piantumazione delle fragole

Il mese di agosto è il momento giusto per piantare le fragole, potrete scegliere tra due tipologie:

  • quelle unifere caratterizzate da un’abbondante produzione con frutti grandi e dolci nei mesi di maggio-giugno
  • quelle rifiorenti che invece producono fragole leggermente più piccole, molto saporite e dolci, la produzione viene protratta per tutta l’estate, finché non inizia a fare freddo.

Mettendo a dimora le fragole in questo periodo ci assicureremo un’abbondante produzione nella primavera-estate successiva, in media una fragolaia rimane produttiva per 2-3 anni poi è necessario rinnovarla con nuove piantine


I nostri Consigli

  • Luglio e agosto sono i mesi più caldi, ricordatevi di annaffiare abbondantemente le piante nell’orto, evitando di farlo durante le ore più calde della giornata per prevenire scottature dovute alle piccole gocce d’acqua che possono rimanere sulla vegetazione, il momento migliore per farlo è la sera perché così le piante avranno tutta la notte per reidratarsi.
  • Dobbiamo prestare molta attenzione a tutte le brassicacee (cavoli, cavolfiori, broccoli) perché sono soggette agli attaccati della cavolaia, un bruco molto vorace, che si ciba delle tenere foglie. Un’attenta vigilanza ci permette di trovarle in anticipo e di eliminarle manualmente ( se non volgiamo effettuare trattamenti).
  • Ad agosto le piante di indivia e di scarola sono quasi pronte per essere mangiate, per renderle più tenere potrete effettuare “l’imbiancatura” tramite la legatura del cespo o con un vaso capovolto, messo sopra alla piantina.
  • Con l’abbassarsi delle temperature di fine agosto possiamo iniziare a preparare il terreno per la semina della valeriana, dei rapanelli, della lattuga parella e della rucola, così da assicurarci un raccolto invernale di verdura fresca, ricordatevi di farlo in fase di luna calante

Anche a fine estate l’orto non si ferma, un continuo susseguirsi di semine e di trapianti che non smette di regalarci squisite prelibatezze!

Nel “Garden Roagna Vivai Cuneo ” troverete tutto il necessario per il vostro orto:
Piantini da orto in vaschetta, sementi, aromatiche, piante da frutto, terriccio per orto bio, vaschette specifiche per creare un orto sul balcone, piccola attrezzatura da orto
Scoprite i nostri Servizi e prodotti

Potentilla


La Potentilla e le sue principali caratteristiche

PeriodicitàPerenne
EsposizioneSole, mezz’ombra
IrrigazioneModerata
TerrenoTerriccio ben drenato e povero
FiorituraDalla primavera all’Autunno
Principali caratteristiche della pianta

Potentilla

La Potentilla comprende piante arbustive ed erbacee, perenni, originaria della Cina e dell’Himalaya.
Si adatta bene alla coltivazione sia in vaso che in piena terra.
Fiorisce dalla primavera all’autunno inoltrato e presenta fiori formati da cinque petali di colore: giallo, arancio, bianco, rosa e rosso.

Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

È una pianta che si adatta bene a qualsiasi tipo di terreno meglio se non troppo ricco perché questo provocherebbe una crescita prevalente della parte verde a discapito dei fiori.
Per questo motivo si adatta molto bene ai giardini rocciosi

La luce ottimale per le piante

Potentilla ed esposizione

Predilige luoghi molto soleggiati in bassa e alta montagna, invece nei luoghi con estati particolarmente torride è preferibile posizionarla in mezz’ombra.

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticita’

Pianta molto rustica, molto semplice da coltivare, non teme il gelo e può essere coltivata anche in montagna.

Irrigare le piante in modo corretto

Annaffiatura

Non richiede annaffiature particolari se non quando si presentano periodi di siccità abbastanza lunghi. Evitare i ristagni idrici che potrebbero far soffrire la pianta.
Se la pianta viene coltivata in vaso annaffiare solamente quando la terra è ben asciutta.

.

quando come e quanto concimare

Concimazione della Potentilla

Consigliamo di concimare ad inizio primavera con concime granulare a lenta cessione.

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

È una pianta che difficilmente viene attaccata dai parassiti.

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

Consigliamo di potare i rami secchi e danneggiati della pianta a fine inverno.
Può essere piantata come pianta singola oppure a gruppi per bordure e aiuole.
Molto apprezzati gli abbinamenti con perenni erbacee colorate, e arbusti quali:
Spiree, Weigelia, Abelia, Caryopteris, Rose arbustive ecc.


Nel “Garden Roagna Vivai Cuneo ” oltre alla Potentilla troverete in vendita una vasta selezione di piante d’ appartamento, balcone, terrazzo e giardino.
Fatevi consigliare dal nostro team , seguendovi durante l’ acquisto Vi suggeriranno le soluzioni più adatte per creare il vostro angolo verde o fiorito

Curcuma


La Curcuma e le sue principali Caratteristiche

PeriodicitàPerenne
EsposizioneLuogo luminoso ma non al sole diretto
IrrigazioneNormale
TerrenoSoffice, tendenzialmente acido e ben drenato
Fioritura
Principali caratteristiche della pianta

Curcuma

La Curcuma è originaria dell’Estremo Oriente e dell’Australia, comprende molte specie arbustive ed erbacee composte da radici carnose dette rizomi ramificati, fortemente aromatiche di colore giallo o arancio e di grande interesse commerciale. Le foglie si presentano allungate e di colore verde acceso. I fiori, che fanno capolino durante tutto il periodo estivo, sono caratterizzati da una spiga e in base alle varietà sono molto colorati

Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

Il terreno dev’essere soffice, tendenzialmente acido e ben drenato.

La luce ottimale per le piante

Curcuma ed esposizione

Predilige luoghi luminosi ma non esposti al sole diretto, questo perchè potrebbero bruciarsi le foglie e i fiori.

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticità

Essendo una pianta d’appartamento bisogna ritirare la pianta in inverno e porla in una stanza dove le temperature non scendano sotto i + 12/15°C.

Irrigare le piante in modo corretto

Annaffiatura

Dalla primavera all’autunno si procede annaffiando il terreno in modo che sia appena umido ma mai fradicio. Bisogna fare attenzione ai ristagni d’acqua che potrebbero portare alla sofferenza della pianta, quindi se dovesse avanzare dell’acqua nel sottovaso bisogna svuotarlo. Essendo una pianta originaria delle zone tropicali vaporizzare il fogliame in modo da tenere umido l’ambiente attorno ad essa.
In inverno la pianta entrerà in riposo vegetativo (le foglie inizieranno ad ingiallire, fino al completo distacco) quindi bisogna sospendere le innaffiature. In primavera, quando la pianta ritornerà a germogliare, riprendere l’innaffiatura regolare.

quando come e quanto concimare

Concimazione della Curcuma

Si concima dalla primavera all’autunno con concime liquido per piante fiorite

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

In caso di errata bagnatura possono essere soggette ad afidi, cocciniglie

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

Non sono necessarie potature ma è possibile moltiplicare la pianta dividendo i rizomi.


Nel “Garden Roagna Vivai Cuneo ” oltre alla Curcuma troverete in vendita una vasta selezione di piante d’ appartamento, balcone, terrazzo e giardino.
Fatevi consigliare dal nostro team , seguendovi durante l’ acquisto Vi suggeriranno le soluzioni più adatte per creare il vostro angolo verde o fiorito

vasi misurini di livello per idrocoltura

Piante in idrocoltura

Con la tecnica dell’ idrocoltura le piante riescono a crescere e svilupparsi correttamente tramite l’impiego dell’acqua e dell’argilla espansa, usati in sostituzione del terriccio.
La tecnica dell’ idrocultura fa ricorso all’ utilizzo di due vasi immersi uno nell’ altro.
Il vaso interno è composto da numerose fessure create sia sul fondo che sulle pareti laterali, esso è destinato a contenere l’ argilla espansa e la pianta stessa.
L’ argilla serve a fare rimanere la pianta in posizione eretta.
Il vaso precedentemente descritto contenente l’ argilla e la pianta stessa viene posizionato all’ interno di un vaso di dimensioni maggiori contenente l’ acqua e la soluzione nutritiva.

Terzo ed ultimo elemento fondamentale per la coltivazione in idrocoltura è l’ indicatore del livello d’ acqua posizionato nel vaso esterno.
Quando il livello del liquido sarà sceso al minimo l’ indicatore di livello ci segnalerà che bisogna aggiungere dell’ acqua

La sostituzione della terra con l’ argilla ha diversi vantaggi:

  • L’ argilla rilascia l’ acqua molto più lentamente della terra 
  • L’ argilla a differenza del terriccio non secca e non si indurisce
  • Sporca molto meno del terriccio
  • Riduce la propagazione di funghi e parassiti
  • Riesce a trasmettere l’ ossigeno in modo molto efficace alle radici

Idrocoltura Passo a Passo

Se la pianta da coltivare in idrocultura è piantumata in un classico vaso seguiteci dal punto 1)
altrimenti se avete acquistato una pianta già coltivata per l’ idrocultura iniziare dal punto 5)

  1. Togliere la pianta dal suo vaso ed eliminare con delicatezza tutta la terra che avvolge le radici.
  2. Pulire le radici immergendole in acqua tiepida
  3. Coprire il fondo del vaso più piccolo con uno strato di 2 cm argilla
  4. Posizionare la pianta sopra l’ argilla e poi ricoprirla delicatamente con altra argilla in modo da garantirne la stabilità.
  5. Inserire il vaso più piccolo in quello più grande e riempire lo spazio vuoto fra i due vasi con altra argilla ricordandosi di posizionare anche l’ indicatore di livello
  6. Aggiungere l’ acqua nel vaso piu’ grande fino a quando l’ indicatore non segnerà il livello medio

Le piante in idrocoltura adatte per la casa

Le piante che si adattano all’ idrocultura sono molte , anche se i risultati migliori si ottengono con quelle da foglia di provenienza tropicale, o che abbiano un forte apparato radicale e dal rapido sviluppo:

e tante altre

Riassumiamo I vantaggi principali dell’idrocoltura

  • Le piante richiedono molte meno cure
  • Le piante cresceranno più velocemente e raggiungeranno un maggiore sviluppo
  • Una riduzione del rischio di parassiti e malattie
  • Una maggiore ossigenazione delle radici

Seguendo le mani di Francesca diverrà tutto molto semplice e potrete creare la vostra prima composizione in Idrocoltura
Buon Lavoro !

Nel “Garden Roagna Vivai Cuneo ” troverete tutto il necessario per la coltivazione delle vostre piante in idrocoltura:
Piante specifiche per idrocoltura, vasi e Kit per la coltivazione idroponica

piantini da orto

Il Risveglio dell’ Orto

La primavera è sicuramente il miglior periodo per iniziare la nostra attività nell’ orto.
Questo è il momento giusto per farlo perché si assiste al risveglio della natura, le giornate si allungano, le temperature iniziano ad essere più miti e la voglia di stare all’aria aperta diventa sempre più irresistibile


La semina

sementi orto professionali

Per i più volenterosi i lavori iniziano già a febbraio/marzo.
In semenzaio o in piccoli vasetti  si possono seminare numerose tipologie di ortaggi come: pomodori, zucche, zucchine, angurie, meloni, prezzemolo, lattughe, carote, basilico, finocchi, biete, avendo cura di metterli in un luogo caldo e molto luminoso per favorirne la germinazione.

La concimazione dell’ Orto

Nell’orto bisogna provvedere alla concimazione del terreno con stallatico o compost e con il successivo interramento di  vangatura o fresatura.
La concimazione è importantissima perché un orto coltivato dalla primavera all’autunno si impoverirà notevolmente dei nutrienti necessari alle piante.  
Le dosi varieranno molto in base a tipo di prodotto utilizzato, per esempio se utilizziamo del compost dovremmo distribuire circa 2-3 cm di compost su tutta la superficie dell’orto, mentre per quanto riguarda lo stallatico , se usiamo quello pellettato una confezione da 5 kg sarebbe sufficiente per concimare fino ad 80 metri quadrati.  
Questa operazione dovrebbe essere fatta con prodotti di origine naturale e biologici, perché ci permetterà di avere raccolti più sani, buoni ed abbondati, inoltre concimando tutti gli anni andremo a migliorare le caratteristiche fisiche e strutturali del terreno, migliorando così la sua fertilità nel tempo.

Quando iniziare a piantumare ?

Con l’arrivo di aprile e appena le temperature iniziano a farsi più miti, è possibile iniziare a piantare le giovani piantine seminate in precedenza (oppure quelle acquistate in vaschetta), con l’accortezza di proteggere quelle che potrebbero soffrire un ritorno di freddo (ricordiamoci che aprile è un mese soggetto a gelate tardive).

È bene proteggere all’interno di una serra i giovani ortaggi come  pomodori, peperoni, melanzane, zucche, zucchine, cetrioli, angurie, meloni, fagioli, mentre le piante più robuste per quanto riguarda il freddo come lattughe, cicorie, prezzemolo, sedano, biete, piselli, rucola, spinaci, valeriana, bulbi di cipolla, possono essere piantate all’ esterno senza problemi (infatti queste piante se si dispone di una serra si possono iniziare a coltivare anche già da fine febbraio inizio marzo.)

La piantumazione delle giovani piantine deve avvenire dopo la posa del telo da pacciamatura, che servirà a non fare crescere l’erba indesiderata e manterrà l’umidità nel terreno.
Il telo di pacciamatura essendo realizzato da una trama di fili plastici, lascerà passare senza problemi l’acqua di irrigazione, e potrà essere riutilizzarlo per molti e quindi da preferire ai classici teli di nylon pre-forati che sono impermeabili e meno duraturi nel tempo.
Per chi desidera un  tipo di pacciamatura più naturale può utilizzare della paglia, il risultato finale sarà il medesimo.

Ricordatevi che durate le tiepide giornate primaverili la serra diventerà molto calda quindi consigliamo di predisporre delle aperture  (di solito ad inizio e fine della serra) per favorirne l’aerazione e abbassare  la temperatura diurna alla sera invece conviene chiuderla bene, finché le temperature minime notturne non si manterranno sugli 8-10 °C.

Come e quando irrigare l’ orto

In primavera consigliamo di irrigare l’orto al mattina presto, quando le temperature sono ancora fresche, così da scongiurare scottature solari dovute alle goccioline dell’acqua rimaste sulle foglie.
E’ meglio evitare di annaffiare di sera per limitare il raffreddamento del terreno nelle ore notturne.

Bisogna annaffiare soltanto il necessario, cioè quando vedete che la terra è asciutta, perché gli eccessi idrici possono determinare l’insorgenza di pericolosi parassiti fungini e il collasso delle piantine.

È bellissimo e appagante vedere i nostri ortaggi crescere e poterli raccogliere con le proprie mani..
Ora non vi resta che iniziare, buon lavoro!

Nel “Garden Roagna Vivai Cuneo ” troverete tutto il necessario per il vostro orto:
Piantini da orto in vaschetta, sementi, aromatiche, piante da frutto, terriccio per orto bio, vaschette specifiche per creare un orto sul balcone, piccola attrezzatura da orto
Scoprite i nostri Servizi e prodotti

il piacere di avere un orto

Orto sul Balcone

Coltivare l’orto è una attività meravigliosa che permette di riavvicinarci al mondo della natura.
È molto appagante poter raccogliere la verdura o la frutta direttamente nel nostro orto, senza doverla acquistare, risparmiando così un bel po’ di soldi.
Se ci impegniamo a fare un orto biologico aiuteremo anche l’ambiente, riducendo gli inquinanti e migliorando la biodiversità della nostra zona, nell’orto arriveranno moltissimi insetti utili (specialmente se siamo in città).
L’orto è un attività che può essere svolta da tutti anche da coloro che non possiedono un pezzetto di terra, è sufficiente un piccolo balcone.

Realizzare un Orto su piccoli Balconi

Per chi possiede un piccolo terrazzo e non vuole rinunciare a prodursi qualche ortaggio, consigliamo di utilizzare delle balconette larghe circa 20 cm, ne esistono di diverse lunghezze che vanno dai 40 agli 80 cm, più la prendete grande più piante potrete coltivarci!
Esempio per coltivare l’insalata:

-1 vaschetta di insalata di qualsiasi tipologia (in una vaschetta ci sono 9 piantine)
-3 balconette lunghe 60 cm
-1 sacco di terriccio per ortaggi biologico da 45 litri

Una volta che vi siete procurati tutto l’occorrente non vi resta che:

  • Riempire i tre vasi con il terriccio
  • con delicatezza fare fuoriuscire le piantine di insalata dalle vaschetta (fate una leggera pressione sul lato basso della vaschetta con un dito)
  • Interrate 3 piante per ogni vaso.
  • Annaffiare regolarmente soltanto quando il terriccio diventa asciutto e non lasciare mai l’acqua nel sottovaso, per evitare marciumi
  • Riponete le vaschette in un posto soleggiato (da evitare i balconi troppo caldi durante l’estate per evitare scottature) e attendete circa 1 mese (in primavera) che le piantine si trasformino in meravigliose “teste di insalata”!!

Per chi ama l’insalata croccante consigliamo la canasta, la regina dei ghiacci e la lattuga, mentre per chi ama quella più tenera la gentilina, lingua di canarino e la lollo.

La stessa procedura può essere utilizzato anche per altri ortaggi tipo valeriana, rucola, prezzemolo, spinaci, basilico, ravanelli, cipolle, ecc. e anche per piantine da frutto come le fragole e per tutte le piante aromatiche.

Piccoli e grandi ortaggi

Per ogni tipologia di ortaggio interrare un numero diverso di piantine per ogni vaso, in base alle dimensioni finali della pianta. Ad esempio una vaschetta di valeriana (9 piantine)  è sufficiente  per riempire una balconetta da 60 cm.
Per chi volesse cimentarsi nella coltivazione di ortaggi che crescono in altezza come pomodori, melanzane, peperoni, peperoncini piccanti, o anche di piccoli frutti come more, lamponi, mirtilli, si consiglia di utilizzare vasi tondi o quadrati di diverse dimensioni, con l’utilizzo di terriccio biologico per orto (ad eccezione per i mirtilli a cui serve un terriccio acido).
Se volete coltivare dei pomodori consigliamo di utilizzare un vaso di 40 cm di diametro, in cui pianteremo due piante, per la piantumazione in vaso consigliamo di utilizzare varietà come datterino o ciliegino ,che sono molto produttive anche in poca terra. La raccolta di pomodori inizierà circa a metà estate (per le piante piantumate  ad aprile) e continuerà finchè non arriveranno le prime gelate.
Gli stessi suggerimenti possono essere applicati per i peperoni, melanzane e per i peperoncini piccanti.
Possiamo anche utilizzare vasi leggermente più piccoli, però ricordiamoci che più terra c’è, più le piante produrranno!

Per le piante da frutto consigliamo una sola pianta per ogni vaso, perché sono piante che dureranno per più anni, quindi è necessario che abbiano il loro spazio per poter crescere
Se optate per la piantumazione di lamponi vi consigliamo varietà rifiorenti, perché produrranno frutti da inizio estate fino all’arrivo dei primi freddi.

Creare un Orto sul Terrazzo

Se possedete un terrazzo o un balcone di dimensioni maggiori, consigliamo l’utilizzo di vasi di maggiori dimensioni, vi potrete sbizzarrire e ricreare un vero e proprio orto in miniatura!
Esistono diverse tipologie di vaso, noi consigliamo l’utilizzo di vasi lunghi 60-80 cm o meglio ancora se di 1 metro e larghi circa 40 cm provvisti di gambe, per facilitare le operazioni di trapianto e di raccolta.

Esempio per un mini orto
-1 vaschetta pomodori ( 4 piantine )
-1 piantina basilico
-1 vaschetta prezzemolo ( 9 piantine)
-1 vaschetta cipolle o dei bulbi
-1 vaschetta insalata
-1 vaschetta fragole ( 4 piantine)
-1 o 2 sacchetti di argilla espansa da 10 litri
-2 sacchi di terriccio per orto biologico da 45 litri
-1 vaso lungo 1 metro e largo 40 cm
-4 tutori in bambù

  • Ricoprire il fondo del vaso con argilla espansa che servirà per il drenaggio
  • Aggiungere il terriccio necessario per riempire il vaso.
  • Iniziamo con i pomodori, da disporre in modo equidistante su un lato lungo del vaso
  • Aggiungiamo i tutori in bambù che serviranno per sostenere le piantine
  • Piantumiamo le 4 piante di fragole lungo un lato corto del vaso
  • Aggiungiamo il basilico e il prezzemolo in un angolo dell’ altro lato corto del vaso disposto a file di tre (10 cm tra ogni pianta).
  • Infine aggiungiamo l’insalata nella restante parte del vaso e le piante di cipolle, che andranno messe tra una pianta di insalata e l’atra, questa consociazione è utile per prevenire alcuni attacchi da parte dei parassiti di queste piante.

Ora non vi resta che attendere che la verdura cresca e potrete assaporare il frutto del vostro lavoro!

Nel “Garden Roagna Vivai Cuneo ” troverete tutto il necessario per il vostro orto:
Piantini da orto in vaschetta, sementi, aromatiche, piante da frutto, terriccio per orto bio, vaschette specifiche per creare un orto sul balcone, piccola attrezzatura da orto
Scoprite i nostri Servizi e prodotti

Chaenomeles detto comunemente “cotogno giapponese, cotogno da fiore” o “fior di pesco”

Chaenomeles


Principali Caratteristiche delle piante Chaenomeles – Cydonia

PeriodicitàPerenne
EsposizioneSole, mezz’ombra
IrrigazioneNormale
TerrenoNeutro e ben drenato
FiorituraMarzo- Aprile
Principali caratteristiche della pianta

Chaenomeles – Cydonia

La Chaenomeles è un arbusto deciduo e spinoso.
É molto apprezzata per la sua fioritura che avviene a fine inverno, mentre in autunno regala dei pomi utilizzabili sia in ambito culinario che per profumare gli armadi di casa. Solitamente non raggiunge i 2 metri di altezza ma troviamo anche cultivar prostrate. Varietà dai colori diversi come bianco, rosso, pesca, arancio ecc..
Esistono varietà rifiorenti dai fiori doppi.

Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

La Cydonia predilige terreni neutri, ben drenati e non calcarei.

La luce ottimale per le piante

Esposizione dei Chaenomeles

Ama il sole ma può essere posizionata anche in zone semiombreggiate a scapito di una fioritura più ridotta..

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticita’

Pianta rustica, in aree alpine al di sopra degli 800 m. di altitudine consigliamo di posizionare la pianta al riparo di un muro per proteggerla dai venti freddi.

Irrigare le piante in modo corretto

Annaffiatura

La Chaenomeles ha una buona resistenza a brevi periodi di siccità perché generalmente si accontenta delle piogge.
Se la primavera è particolarmente asciutta bagnare sporadicamente.

quando come e quanto concimare

Concimazione

Concimare in autunno con concime granulare a lenta cessione specifico per piante fiorite.

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

Può essere soggetta a clorosi ferrica in caso di terreno con Ph troppo elevato.

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

Consigliamo di effettuare la potatura subito dopo la fioritura.
Tagliare i rami che si incrociano in modo da areare bene la pianta.
Per una maggiore fioritura di anno in anno si eliminano i rami nuovi lasciando solamente 2/3 gemme dal basso.


Nel “Garden Roagna Vivai Cuneo ” oltre alle piante di Chaenomeles troverete in vendita una vasta selezione di piante d’ appartamento, balcone, terrazzo e giardino.
Fatevi consigliare dal nostro team , seguendovi durante l’ acquisto Vi suggeriranno le soluzioni più adatte per creare il vostro angolo verde o fiorito

Dracaena o Pianta della felicità

Dracaena – Dracena


Principali Caratteristiche della Dracaena

PeriodicitàPerenne
EsposizioneAmbiente luminoso
IrrigazioneModerata
TerrenoTorboso e drenato
FiorituraRara
Principali caratteristiche della pianta

Dracaena – Dracena

La Dracaena è anche conosciuta con il nome di tronchetto della felicità. È una pianta d’appartamento molto apprezzata per il suo fogliame, per il fatto che ha dimensioni contenute e non si espande molto in larghezza, inoltre il mantenimento risulta molto facile.
Vi sono diverse varietà di fogliame: dal verde scuro al variegato e la foglia può essere larga oppure stretta.
In casa la fioritura avviene raramente.

Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

Le piante di dracena amano un terreno torboso e ben drenato.

La luce ottimale per le piante

Esposizione

Essendo una pianta d’appartamento richiede un ambiente abbastanza luminoso e l’esposizione non dev’essere mail al sole diretto.
D’estate può essere posizionata fiori in luoghi ombreggiati.

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticita’

Pianta originaria dei climi caldi predilige temperature comprese tra i 15 e i 25°C

Irrigare le piante in modo corretto

Annaffiatura delle Dracaena

Si consiglia di annaffiare solamente quando il terriccio risulta ben asciutto facendo attenzione a non creare ristagni idrici e quindi svuotando il sottovaso ad ogni bagnatura. Nel periodo caldo possiamo vaporizzare le foglie per creare umidità ambientale.

quando come e quanto concimare

Concimazione della Dracaena

Dalla primavera all’autunno concimare le dracene ogni 15/20 giorni con concime per piante verdi.

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

Se si vuole una pianta sana porre molta attenzione alla bagnatura solitamente le patologie più frequenti sono causate da un errata irrigazzione.
Può essere colpita da funghi oppure cocciniglia e ragnetto rosso, debellabili con appositi prodotti.

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

Non richiede potature, si eliminano solamente le foglie danneggiate o ingiallite alla base dei fusti, questo è un processo fisiologico perché le foglie basali sono quelle più vecchie e il ricambio è normale.


Nel “Garden Roagna Vivai Cuneo ” oltre alle Dracene troverete in vendita una vasta selezione di piante d’ appartamento, balcone, terrazzo e giardino.
Fatevi consigliare dal nostro team , seguendovi durante l’ acquisto Vi suggeriranno le soluzioni più adatte per creare il vostro angolo verde o fiorito