Kenzia o Kentia la palma sempreverde da appartamento

Kentia

 Principali Caratteristiche
Periodicità Perenne
esposizione Ambienti molto luminosi
Irrigazione Normale
Terreno Universale leggermente torboso e sabbioso
Fioritura Assente

Principali caratteristiche della pianta

Kentia

Le kentia sono essenzialmente delle palme gradevolmente slanciate ed essendo delle piante tropicali sono molto sensibili alle basse temperature.
Crescono lentamente ma hanno bisogno di spazio.

Il terriccio giusto per la tua pianta

Terreno

Predilige un terreno normale leggermente torboso e sabbioso

La luce ottimale per le piante

Esposizione

la Kentia ama i luoghi luminosi ma non la luce diretta del sole. Si sviluppa abbastanza rigogliosa anche in penombra.

La temperatura perfetta per la tua pianta

Rusticita’

La Kenzia preferisce il caldo secco tipico di un appartamento riscaldato nella stagione invernale, mentre d’estate è buona norma ripararle dalle correnti d’aria

Irrigare le piante in modo corretto

Annaffiatura

La Kenzia necessita di annaffiature abbondanti, non invasive (soprattutto non si devono bagnare il tronco ed i piccioli che rischierebbero di marcire) e regolari. Potrebbero rendersi utili anche delle vaporizzazioni sulla chioma al fine di mantenere il livello di umidità abbastanza elevato e di pulire le foglie.

quando come e quanto concimare

Concimazione

Per la concimazione della Kenzia è consigliato l’utilizzo di un concime liquido da diluire nell’acqua delle annaffiature, ogni venti giorni circa durante la stagione estiva da aprile ad ottobre.

come difendere e curare le tue piante

Malattie e Parassiti

La kentia pur essendo una pianta molto resistente e longeva puo’  essere attaccata dal ragnetto rosso il quale provocherà l’ ingiallimento delle foglie e dalla  cocciniglia

Consigli per mantenere in forma la tua pianta

Consigli

Uno dei problemi più comuni della kentia e’ l’ ingiallimento delle foglie. Tale problema puo’ essere causato dal ragnetto rosso oppure da una non corretta irrigazione.
Si consiglia una periodica pulizia delle foglie con uno straccio umido,  l’ eliminazione delle foglie secche ed evitare ristagni idrici.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *