GARDEN ROAGNA VIVAI

Garden Roagn Vivai

IL GIUGGIOLO
Zizyphus vulgaris

Redatto da Roagna Vivai Cuneo
Quasi tutti conoscono il detto
Andare in Brodo di Giuggiole
ma quasi nessuno conosce la pianta del Giuggiolo ...

Originaria dell'Asia dove e' molto coltivata.
In Italia e' presente fin dal tempo dei Romani. Albero o arbusto alto che puo’ raggiungere 6-7 metri, dall'aspetto piuttosto contorto, con rami irregolari e spinosi. Le foglie sono caduche e di piccole dimensioni, di colore verde brillante, con margine seghettato.

stiamo costruendo un web miglioreFiore di Giuggiolo





I fiori
 piccoli e verdastri
appaiono in Giugno

stiamo costruendo un web miglioreFrutto del Giuggiolo

I frutti assomigliano a grosse olive, prima di colore verdastro e poi rosso marrone scuro a maturita'. La polpa e' soda, compatta con una consistenza farinosa, di sapore gradevolmente dolce, di colore verde tenue. In commercio è possibile trovare anche varietà innestate, dette giuggiolo-mela, con frutti di dimensioni cospicue, dalla polpa zuccherina e soda

Ha un accrescimento molto lento.
E' in grado di adattarsi a vari tipi di terreno, resiste a situazioni di forte aridità grazie ad un apparato radicale molto sviluppato in profondità; predilige suoli leggeri, non umidi, neutri o sub-alcalini.
Predilige posizioni soleggiate, o anche semiombreggiate; non teme il freddo.
Solitamente i giuggioli non soffrono per l'attacco di parassiti o di malattie; la tarda maturazione dei frutti rende le giuggiole frutti che in genere non necessitano di trattamenti insetticidi.
Diffusa nel centro-nord Italia

stiamo costruendo un web miglioreFrutto del Giuggiolo

I frutti vengono utilizzati sia per scopi alimentari sia per le loro proprietà medicinali riconosciute fin dall’antichità.
Il periodo balsamico è in autunno quando i frutti sono maturi di colore rosso ruggine; e si preparano eliminando i semi e lasciandoli avvizzire per un certo tempo al sole in modo che la polpa diventi più dolce e morbida.
La giuggiola si può consumare anche bollita e cosparsa con miele e succo di limone, ed è indicata per marmellate e gelatine è poi usata in infuso per prevenire e contrastare i sintomi da raffreddamento .
I frutti hanno un buon valore nutritivo, e sono estremamente ricchi di vitamina C.
Come medicamento la giuggiola ricopre un ruolo importantissimo, soprattutto nella medicina cinese, dove si utilizzano sia i frutti sia i semi.
Il frutto agisce su milza, fegato e polmoni tonificandoli ed è anche attivo contro disturbi di tipo psicologico e nervoso, esempio tipico lo stress, e come sedativo.
Vengono utilizzate le foglie per produrre colliri e decotti per impacchi palpebrali, la radice e le parti erbacee del fusto contro anemie, nefriti e disturbi nervosi